Comitato Controllo e rischi

Il Comitato Controllo e rischi è interamente composto da Consiglieri non esecutivi indipendenti e, in particolare:

  • Graziano Gianmichele Visentin (Presidente);
  • Giuseppe Tesauro;
  • Vito Varvaro.

Funzioni

Il Comitato Controllo e Rischi assiste il Consiglio nello svolgimento delle attività inerenti il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, in particolare

  • valuta, unitamente al Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari e sentiti il revisore legale ed il Collegio Sindacale, il corretto utilizzo dei principi contabili e la loro omogeneità ai fini della redazione del bilancio consolidato;
  • esprime pareri su specifici aspetti inerenti all’identificazione dei principali rischi aziendali;
  • esamina le relazioni periodiche, aventi per oggetto la valutazione del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, e quelle di particolare rilevanza predisposte dalla Funzione di Internal Audit;
  • monitora l’autonomia, l’adeguatezza, l’efficacia e l’efficienza della Funzione di Internal Audit;
  • chiede alla Funzione di Internal Audit lo svolgimento di eventuali verifiche su specifiche aree operative, dandone contestuale comunicazione al Presidente del Collegio Sindacale;
  • riferisce al Consiglio, almeno semestralmente, in occasione dell’approvazione della relazione finanziaria annuale e semestrale, sull’attività svolta nonché sull’adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi;
  • fornisce un parere al Consiglio con riferimento a decisioni relative a nomina, revoca, remunerazione e dotazione di risorse del Responsabile della Funzione di Internal Audit.

Comitato per le Proposte di Nomina

Il Comitato per le Proposte di Nomina è composto in maggioranza da Amministratori non esecutivi e, in particolare:

  • Giuseppe Tesauro (Presidente);
  • Maria Chiara Carrozza;
  • Graziano Gianmichele Visentin.

Funzioni

Il Comitato per le Proposte di Nomina ha il compito di verificare che la procedura di presentazione delle liste stabilita dallo Statuto si svolga in modo corretto e trasparente, nel rispetto delle disposizioni di legge e statutarie applicabili. Verificato il rispetto della procedura di presentazione delle liste, con particolare riferimento alla completezza della documentazione da depositarsi a corredo delle liste ed alla tempestività del deposito, il comitato provvede alle formalità necessarie per la presentazione delle stesse all’Assemblea degli Azionisti convocata per la nomina del Consiglio o di suoi componenti.

Ai sensi del Criterio applicativo 5.C.1, lett. a) e b) del Codice, al Comitato per le Proposte di Nomina è attribuito altresì il compito di formulare, eventualmente e ove ne ravvisi la necessità, pareri al Consiglio in merito alla dimensione ed alla composizione dello stesso ovvero di esprimere raccomandazioni in merito alle figure professionali la cui presenza all’interno del Consiglio sia ritenuta opportuna nonché di proporre al Consiglio candidati alla carica di Amministratore nei casi di cooptazione, ove occorra sostituire Amministratori indipendenti.

Comitato Remunerazione

Il Comitato per la Remunerazione è attualmente composto da Amministratori indipendenti e non esecutivi e, in particolare:

  • Giuseppe Tesauro (Presidente);
  • Vito Varvaro;
  • Graziano Gianmichele Visentin;

Funzioni

Il Comitato per la Remunerazione, oltre a formulare proposte in merito alla politica sulla remunerazione adottata dall’Emittente, ha il compito di:

  • formulare al Consiglio proposte per la remunerazione dell’Amministratore Delegato e degli altri Amministratori che rivestono particolari cariche, monitorando l’applicazione delle decisioni assunte;
  • formulare al Consiglio raccomandazioni generali in materia di remunerazione dei dirigenti con responsabilità strategiche del Gruppo Piaggio, tenuto conto delle informazioni e indicazioni fornite dall’Amministratore Delegato, valutando periodicamente i criteri adottati per la remunerazione della predetta dirigenza; e
  • coadiuvare il Consiglio nella predisposizione e nell’attuazione degli eventuali piani di compensi basati su azioni o altri strumenti finanziari, eventualmente approvati dai competenti organi della Società.

Comitato Etico

Il Comitato Etico (o anche “Business Ethics Committee”) di Piaggio & C. S.p.A. è stato nominato il 9 maggio 2008 dal Presidente della Società ed è attualmente composto da Alessandra Simonotto, Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Ulisse Spada, Responsabile Affari Legali e Societari e Roberto Maria Zerbi, Direzione External & Media Relations.

Tale organo sociale si propone l’obiettivo di sviluppare regole e comportamenti organizzativi all’interno del Gruppo Piaggio in linea con le best practice internazionali in ambito di responsabilità sociale di impresa.

Il Comitato Etico monitora aspetti e tematiche - a cui la Società è da sempre attenta - quali la sicurezza, la qualità, il rispetto e la protezione dell’ambiente, il benessere dei propri collaboratori. In particolare, il Comitato monitora e valuta gli standard etici aziendali nonché gli atti, i comportamenti e le relazioni sviluppate dal management e dal personale della Società rispetto a tutti gli stakeholders nonché la concreta realizzazione delle indicazioni contenute nel Codice Etico.

Tutte le attività relative ai rapporti tra la Società ed il mondo esterno sono oggetto di analisi e di ri-progettazione da parte del Comitato Etico con l’obiettivo di garantire la gestione trasparente del ciclo di informazioni verso tutti gli stakeholders.

Comitato per le operazioni con parti correlate

Il Comitato per le operazioni con parti correlate, operativo da 1° gennaio 2011 e rinominato dal Consiglio del 13 aprile 2012, è composto da 3 (tre) amministratori indipendenti, i quali, in conformità alle disposizioni normative, devono essere altresì amministratori non correlati con riferimento a ciascuna operazione. 

I componenti di tale comitato sono:

  • Giuseppe Tesauro (Presidente);
  • Vito Varvaro;
  • Graziano Gianmichele Visentin;


Share on...