Fondazione Piaggio35

L’anno 2020 per la Fondazione Piaggio era iniziato sotto i migliori auspici. L’ottima crescita del numero di visitatori del Museo Piaggio registrata nel 2019 si stava confermando anche dopo le festività natalizie; il varo di un ricchissimo programma annuale di eventi scientifici, culturali e didattici e i grandi festeggiamenti programmati per il ventennale del Museo Piaggio lasciavano prevedere un anno positivo sotto tutti i punti di vista. Purtroppo a seguito dell’emergenza sanitaria conseguente alla pandemia Covid-19 dal 24 febbraio alla fine dell’anno il Museo Piaggio è stato chiuso al pubblico e sono stati sospesi tutti gli eventi della Fondazione Piaggio che avrebbero previsto contatti con il pubblico.

Solo per dovere di cronaca riportiamo che nel bimestre gennaio-febbraio i visitatori sono stati oltre 9.000, un numero elevato visto il periodo di bassa stagione e sostanzialmente allineato a quello del corrispondente periodo del 2019.

La Fondazione Piaggio e il suo Museo sono diventati negli anni un luogo di aggregazione culturale, scientifica, didattica e sociale, un luogo dove i giovani e i meno giovani, gli studiosi e gli appassionati della Vespa e delle due ruote in genere si incontrano, non solo per ammirare le collezioni ma anche per ascoltare musica, vedere una mostra, partecipare ad un convegno, assistere a delle lezioni, etc.

La Fondazione Piaggio è conscia che è dalla sinergia tra tutte queste attività che vengono trasmessi i valori positivi di creatività, cultura e coscienza sociale, tipici del Gruppo Piaggio.

30  Si precisa che le informazioni relative alla Fondazione Piaggio, entità non inclusa nel perimetro di consolidamento del Gruppo, costituiscono aspetti qualitativi utili alla comprensione dell’attenzione al contesto sociale, ancorché tali informazioni non rientrino nel perimetro di consolidamento.

Museo Piaggio

Durante la lunga fase di chiusura del Museo si è cercato di mantenere un contatto via WEB con il pubblico e si è lavorato alla preparazione di grandi novità da scoprire quando potranno essere di nuovo visitabili le sale espositive e riprese tutte le attività. Sono comunque proseguite le attività di archivio e quelle connesse con lo studio e le analisi storiche e si è colta l’occasione per sviluppare nuovi progetti e realizzare importanti lavori di miglioramento delle sale museali e della fruibilità del Museo Piaggio da remoto. Tra le principali attività svolte citiamo:

  • la realizzazione di un nuovo sito WEB del Museo Piaggio e della Fondazione Piaggio, ricco di informazioni e immagini, funzionale e ottimizzato per la navigazione attraverso ogni tipo di device;
  • la realizzazione di un Virtual Tour del Museo, molto realistico e ricco di contenuti multimediali informativi: testi, video, immagini, curiosità;
  • un aggiornamento della App del Museo che è diventata tecnologicamente più performante e si è arricchita di nuovi contenuti;
  • il miglioramento delle sale museali, in particolare della Sala Vespa dove, prendendo spunto dalla realizzazione di nuove pedane per tutti i veicoli, è stato realizzato un nuovo lay-out espositivo per aree tematiche e sono state installate nuove grafiche;
  • la riorganizzazione del corner della Sala Vespa dedicato a Corradino d’Ascanio, con la realizzazione di un ologramma dell’inventore della Vespa che si rivolge ai visitatori con la voce e le sembianze dell’attore Roberto Ciufoli che ha recentemente interpretato il suo genio per la fiction di Rai 1 Enrico Piaggio - Un sogno italiano;
  • l’arricchimento delle collezioni espositive con l’acquisizione di diverse Vespa storiche e l’esposizione di importanti veicoli provenienti da collezioni private italiane e straniere;
  • la costituzione del Portale Digitale dell’Archivio Storico Piaggio e l’avvio del progetto di catalogazione e digitalizzazione dell’archivio storico Moto Guzzi di cui si parla più diffusamente nel paragrafo successivo;
  • l’adozione di un piano di comunicazione social particolarmente fitto ed incisivo, specie nel periodo estivo, studiato per rimanere vicini agli appassionati e agli “amici del Museo”. Di rilievo la pubblicazione sui nostri social di numerosi video di “pillole di visite guidate” realizzate dal personale del Museo.

Archivio storico Piaggio

Nel corso del 2020, nonostante la chiusura forzata alla consultazione esterna causata dall’epidemia da Covid-19, l’Archivio Storico Piaggio ha proseguito le sue attività, concentrandosi non solo sulla consulenza e sul supporto alla ricerca per gli uffici interni Piaggio ma cercando anche di fornire dove possibile i propri servizi anche a studenti, studiosi e giornalisti. Un impegno continuativo di supporto al Licensing aziendale è stato rappresentato dalla ricerca iconografica e dalla consulenza relativa alla stesura dei testi per l’opera a fascicoli Ciao. L’indimenticabile ciclomotore italiano, 50 uscite a cura di Centauria. L’Archivio ha inoltre fornito immagini e supporto sia per la realizzazione della campagna Vespizzatevi (primavera 2020) sia per la preparazione del materiale di comunicazione relativo ai 75 anni di Vespa, che cadranno nel prossimo 2021. Ha poi provveduto a fornire il materiale iconografico per i nuovi siti aziendali e il supporto per il controllo delle informazioni a carattere storico in esso contenuti, coinvolgendo anche gli uffici esteri dell’azienda, per esempio per il lancio della Vespa Sei Giorni in Thailandia o per le campagne di comunicazione Vespa in Vietnam. Gli sforzi si sono concentrati sulla realizzazione dell’Archivio Storico digitale: un portale che si arricchirà progressivamente attraverso la digitalizzazione e la catalogazione dei più interessanti contenuti documentali e iconografici presenti all’interno dell’Archivio Storico attualmente conservati in formato cartaceo. In particolare, si tratta per lo più di depliant, fotografie, poster e cartoline pubblicitarie e pubblicazioni aziendali. Si è provveduto all’inserimento di circa 2.000 immagini digitali catalogate entro la fine del 2020 e si prevede di superare le 15.000 unità entro il 2021. Il portale avrà inizialmente un utilizzo interno ma è predisposto per essere consultato anche dal pubblico in modalità protetta, con percorsi ottimizzati e interrogabili tramite tag.

L’Archivio ha inoltre contribuito alla creazione di nuovo materiale grafico di allestimento per le sale del Museo, così come alla realizzazione del tour virtuale e del nuovo sito della Fondazione.

In prossimità della fine dell’anno, infine, l’Archivio è stato incaricato di occuparsi della ricognizione, digitalizzazione e messa a disposizione dell’Archivio Storico Moto Guzzi di Mandello, attività che prevede una prima ricaduta nel supporto alla ricerca iconografica per la realizzazione della monografia celebrativa dei 100 anni del marchio (2021) e, in seconda battuta, la creazione di un archivio digitale Moto Guzzi. Il materiale documentario, prelevato dalla sede di Mandello del Lario, è attualmente sottoposto a un lavoro di studio e digitalizzazione nella sede di Pontedera.

Progetto culturale

Di seguito segnaliamo le attività e gli eventi nei quali si è articolato il Progetto Culturale della Fondazione Piaggio.

Mostre

Le mostre rappresentano per la Fondazione Piaggio e per il suo Museo un importante veicolo di comunicazione e di attrazione di pubblico. La programmazione delle mostre dell’anno è stata purtroppo interrotta dalla chiusura del Museo. Riportiamo di seguito le mostre organizzate nel corso dei primi 2 mesi del 2020:

  • La mostra Dalle macchine di Leonardo all’industria 4.0 chiusa il 24 di febbraio, che ha attirato ancora un grande pubblico anche grazie ai molti eventi collaterali organizzati.
    Ricordiamo che la mostra, inaugurata il primo dicembre in concomitanza con l’apertura del convegno Dalla Scientia Machinale alla Robotica e all’Industria 4.0 nella Toscana di Leonardo, è nata grazie alla collaborazione con il Museo Leonardiano di Vinci e l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.
  • La mostra Street Generation - l’arte scende in strada dedicata alla Street Art Culture, attraverso la quale si intendeva ripercorrere l’evoluzione delle “culture di strada” nel loro stretto connubio con i veicoli di casa Piaggio, pensata per festeggiare i 20 anni dalla nascita del Museo è stata purtroppo annullata pur essendo arrivati a una fase molto avanzata del progetto e verrà riproposta nel prossimo futuro.

EVENTI COLLATERALI ALLA MOSTRA Dalle macchine di Leonardo all’industria 4.0

  • Presentazione-evento del libro L’ombra di Caterina. L’amore, il tradimento, il genio. La madre di Leonardo da Vinci si racconta, di Marina Marazza (Solferino libri, 2019) con “reading” teatrale a cura dell’autrice e aperitivo a tema rinascimentale.
  • Tour Leonardo e il taglio dell’Arno. Visita all’antica Rocca della Verruca con partenza dal Museo Piaggio preceduta dalla visita della mostra.
  • Per il ciclo di incontri “Al Cinema con Leonardo”, proiezione del film di animazione Leo da Vinci – missione Monna Lisa e doppia proiezione del film Io, Leonardo (Sky, 2019), matinée per le scuole e serale per il pubblico.
  • CON UN BATTITO D'ALI – Rincorrendo il più grande sogno di Leonardo laboratorio dedicato a bambini di età compresa fra i 4 ed i 7 anni organizzato con la cooperativa PromoCultura in collaborazione con il Museo Leonardiano di Vinci. L’esperienza inizia osservando i disegni di Leonardo sul volo degli uccelli. Il percorso si conclude visitando la mostra con particolare attenzione agli esempi presenti di alcune delle straordinarie macchine che Leonardo progettò per cercare di realizzare il suo più grande sogno… Volare!
  • PROVA A FARLO MUOVERE! laboratorio di robotica educativa per ragazzi di età compresa fra i 9 ed i 13 anni organizzato con GREAT ROBOTICS, spin-off della Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa. Il movimento dei corpi, delle macchine e dei fluidi ha ricevuto molta attenzione da parte di Leonardo. Scopo del laboratorio è stato far sperimentare e comprendere il movimento di alcuni oggetti.
  • Serata Leonardiana a tema rinascimentale, con atmosfera, musica e costumi rinascimentali, cena realizzata sulla base di ricette originali di Leonardo da Vinci in collaborazione con ChaÎne des Rôtisseurs Toscana Francigena e relazione del naturopata Marco Pardini sull’uso delle erbe tramandato da Leonardo.

Concerti

Il Pontedera Music Festival, nato dalla collaborazione fra l’Accademia Musicale Pontedera e la Fondazione Piaggio è arrivato quest’anno alla seconda edizione. Dopo un 2019 ricco di successi e caratterizzato da appuntamenti sempre molto apprezzati e partecipati, nel 2020 era prevedibile un interesse pari se non superiore, anche grazie alla realizzazione al suo interno del Festival Beethoven 250, un ciclo di concerti per celebrare l’anniversario di nascita del grande compositore che si è tenuto dal 15 febbraio al 23 febbraio e ha avuto un ricco programma di eventi culturali collaterali rivolti ai giovani delle scuole e alla città di Pontedera.

Di seguito tutti gli appuntamenti del Festival svolti fino alla chiusura per l’emergenza Covid.

Concerti invernali del Pontedera Music Festival

  • Marina Mulopulos e Dome la Muerte in concerto. Il duo è formato da Marina Mulopulos voce e percussioni e Dome la Muerte chitarre, cembalo e armonica.
  • Recital pianistico Fra tradizione e modernità Kenichiro Kojima, vincitore del Livorno Piano Competition.
  • La guerra è finita? Concerto per il Giorno della Memoria. Filippo Rogai, flauto - Gloria Merani, violino Filippo Burchietti, violoncello - Fabrizio Datteri, pianoforte. Musiche di: W. Kempf, A. Portera, D. Kattemburg.

Concerti “Beethoven 250” del Pontedera Music Festival

  • Quartetto d’archi del Maggio Musicale Fiorentino L. V. Beethoven, Quartetti dai primi alla grande fuga Op.18, op.95, op.133, presso Teatro Era (Sala Cieslak).
  •  Emilio Aversano, Recital pianistico, presso Auditorium del Museo Piaggio.
  • Maurizio Baglini, pianoforte, Sinfonia n. 9 op. 125 L. V. Beethoven - F. Liszt versione per pianoforte solo, presso Auditorium del Museo Piaggio.
  • Maurizio Baglini, pianoforte, Silvia Chiesa, violoncello Le Sonate e Variazioni per violoncello e pianoforte di L. V. Beethoven (selezione), presso Auditorium del Museo Piaggio.
  • Maratona Beethoven dei Docenti dell’Accademia Musicale Pontedera. La musica da camera per duo, trii e quartetti; L. V. Beethoven, Settimino Mi bemolle maggiore per archi e fiati, op. 20 - J. Hummel, Settimino op. 114, n. 2, presso Auditorium dell’Accademia Musicale Toscana.

Concerti Estivi del Pontedera Music Festival a Villa Crastan

  • Pontormo Sax Quartet “In Latin mood” Sandro Tani, sax soprano, Marco Vanni, sax contralto, Giovanni Baglioni, sax tenore, Omar Daini, sax baritono. Musica di: Romero, Piazzolla, Velasquez, Galliano, Girotto.
  • Andrea Valeri in Concerto “Historia Tour”. Chitarra acustica fingerstyle.
  • De Andre + PFM in Concerto, selezione di 14 brani dallo storico doppio LP Ensemble Cameristico dell’Accademia. Voci: Valentina Bagni e Natascia Naldini. Musicisti: Luigi Nannetti, flauto – Giuseppe Cataldi, clarinetto – Marco Vanni, sax – Raffaele Della Croce, tromba – Andrea Barsali, chitarre – Glenda Poggianti, pianoforte – Roberto Cecchetti, violino – Eleonora Bandecchi, violino – Martina Benifei, violoncello – Fabrizio Balest, contrabbasso – Giacomo Macelloni, batteria e percussioni. Direttore e narratore: Giovanni Sbolci.
  • Concerto Cameristico per flauto, clarinetto e pianoforte. Luigi Nannetti, flauto, Giuseppe Cataldi, clarinetto, Glenda Poggianti, pianoforte. Musiche di: F. Chopin, G. Bizet, R. Schumann, C. Saint-Saëns.

Altri Eventi

  • Roberto Ciufoli in Tipi, Recital comico-antropologico. Monologhi, poesie, sketch e balli. Un vero “multi-one-man show”.
  • Incontro/convegno organizzato dall’Associazione Non più sola dedicato alla salute delle Donne. Al termine Concerto di Gina Giani con la sua Jazz Band.

Eventi e programmi dedicati ai  giovani e agli studenti

  • Inaugurazione dell’anno accademico dell’Istituto Modartech con un incontro tra docenti, testimonial e studenti dal titolo I distretti toscani: la sfida tra sostenibilità e industria 4.0 incentrato sul futuro del manifatturiero al crocevia tra innovazione e sfide dettate dalla nuova consapevolezza in tema ambientale.
  • Premio Scuola Digitale, promosso dal Ministero dell'Istruzione nell'ambito del Piano Nazionale per la Scuola Digitale e coordinato dal Liceo Montale di Pontedera in collaborazione con la Fondazione Piaggio.
  • Creactivity 2020, promosso dalla Fondazione Piaggio in collaborazione con il Comune di Pontedera, ISIA Firenze, Istituto di BioRobotica- Scuola Superiore Sant’Anna, Istituto Modartech, Pont-Tech e MBVision. È l’evento annuale legato all’innovazione e formazione nel campo del Product Design e Mobilty, Fashion e Communication Design e Creative Engineering che mette assieme scuole, aziende, studenti ed esperti. Tematica di questa quindicesima edizione “Re-connection. Didattica emergente e non didattica di emergenza”. Il format di quest’anno è stato tutto digitale.

Pubblicazioni

È iniziato il lavoro di raccolta ed elaborazione dei contributi relativi al convegno Dalla Scientia Machinale alla Robotica e all’Industria 4.0 nella Toscana di Leonardo che confluiranno all’interno della pubblicazione degli Atti che avverrà nel corso del 2021 per la Collana di studi Tommaso Fanfani.

I social

La chiusura imprevista e forzata del Museo a febbraio di quest’anno ha spinto a riflettere su forme innovative che permettessero al pubblico di partecipare in modo alternativo alla visita degli spazi e delle collezioni. Attraverso i social del Museo è possibile usufruire di visite guidate in pillole e partecipare ad un vero e proprio virtual tour.

Il frutto di una maggiore attenzione alla strategia social ha portato per la pagina Facebook ad un incremento di 1.956 like, passando da 24.219 a 26.175, e per la pagina Instagram da 2.961 a 3.663.

Sulla pagina Facebook, nel corso del 2020 in totale sono stati realizzati 59 post, di cui 21 su immagini di archivio, 22 su rubriche tematiche e 16 di eventi.

Sulla pagina Instagram nel corso dell’anno sono stati pubblicati 38 post fra post da rubrica e post di immagini di archivio.

In particolare, su Facebook e Instagram è stata programmata una rubrica estiva nel periodo dal 31 luglio 2020 al 2 settembre 2020, con:

  • 17 post totali, di cui 8 video pillole, 9 testo + immagine d’archivio;
  • 418.748 persone raggiunte;
  • 114.000 visualizzazioni di 3 secondi dei video in pillole;
  • 11.417 reazioni, commenti e condivisioni totali.
Share on...