I veicoli del Gruppo sono venduti in più di 100 nazioni. Piaggio si avvale di una propria rete commerciale nei principali mercati di riferimento dell’Europa, dell’America, dell’India e dell’Asia Pacific, mentre opera tramite importatori nelle restanti aree dell’Emea ed in Africa.

I concessionari e il loro personale rappresentano il principale canale comunicativo per la gestione dei clienti e per il trasferimento dell'immagine aziendale, a cui si affianca l'attività del Servizio Clienti del Gruppo. La qualità del prodotto e in generale il servizio offerto al cliente, sono delle priorità aziendali assolute.

I nostri clienti sono i testimonial della qualità dei nostri veicoli ed insieme ai nostri marchi ed al nostro know how, costituiscono la colonna portante del nostro business.

Piaggio pubblicizza i propri veicoli principalmente attraverso la partecipazione al Campionato di Moto GP ed ad altri Campionati motociclistici, la presenza nelle principali Fiere motoristiche mondiali,  l’organizzazione di test ride e di eventi/raduni che promuovono i vari brand del Gruppo. 

Per un miglioramento continuo della qualità dei propri veicoli e del confort percepito, Piaggio si è dotata di un dettagliato, preciso, robusto e vincolante processo di sviluppo prodotto, di un attento e scrupoloso audit sulla qualità uscente in ottica Cliente e di un efficace sistema di rintracciabilità dei prodotti e dei componenti, ricerca costantemente l’eccellenza nella gestione dei processi produttivi sia interni che esterni, e monitora costantemente i dati provenienti dalla rete di assistenza relativamente alle problematiche riscontrate dalla clientela.

Inoltre, il Gruppo si è dotato di funzioni dedicate, impegnate nel testare l’affidabilità di tutti i prodotti, siano essi nuovi che in esercizio, dalle prime fasi di progettazione, alla loro commercializzazione. I test non si limitano alle sole prove di laboratorio, ma includono prove dinamiche su strada che prevedono profili di missione diversificati in funzione del reale utilizzo dei veicoli da parte dei clienti.

Si sottolinea infine, che nel corso del 2020 a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19 i concessionari italiani del Gruppo Piaggio si sono attivati per venire incontro alle esigenza di sicurezza del periodo. Via web è possibile prenotare un nuovo veicolo scegliendone la versione preferita, condurre una permuta, definire le modalità di acquisto, usufruire delle molte promozioni, avvantaggiarsi delle diverse forme di finanziamento fino a ricevere la nuova moto o il nuovo scooter direttamente al proprio domicilio. I punti vendita, con le relative officine, sono rimasti comunque aperti anche nelle zone rosse, nel rispetto delle normative in vigore, per garantire tutti i servizi ai clienti che grazie alla autocertificazione possono infatti recarsi di persona dal dealer o in officina, per far assistere il proprio mezzo. È un segno concreto di vicinanza ai clienti per continuare a proporre, alle condizioni più vantaggiose, la mobilità più sicura. Scooter e moto sono oggi la certezza di mobilità facile, economica e rispettosa di tutte le norme di distanziamento e sicurezza, sono la migliore garanzia di mobilità e libertà.

Assistenza post vendita

Certificazioni sistemi di qualità

L’ottenimento e costante mantenimento delle certificazioni dei sistemi di gestione per la qualità a livello globale (ISO 9001:2015) è parte della cultura comune dell’azienda e patrimonio di tutti i dipendenti del Gruppo. I risultati ottenuti in termini di affidabilità dei prodotti, miglioramento delle performance dei processi, incremento della soddisfazione dei clienti (interni ed esterni), nascono proprio dal fatto che i significati delle parole qualità, orientamento al cliente, miglioramento continuo ed eccellenza sono principi perseguiti nelle attività quotidiane da tutto l’organico.

Ispettorato forniture

La qualità dei prodotti Piaggio è funzione anche della qualità delle proprie forniture. Il Gruppo Piaggio esegue un’intensa attività di scouting ed ispettorato al fine di selezionare e valutare i nuovi fornitori, sorvegliarne costantemente il livello di qualità e dare il benestare sui processi per lo sviluppo di nuovi componenti. Tali attività sono svolte attraverso visite programmate effettuate dall’ispettorato fornitori Piaggio.

I nuovi fornitori entrano a far parte del “paniere” di Piaggio solo a seguito di una dettagliata e positiva valutazione dei loro processi produttivi, dei prodotti che ne derivano e della loro certificazione legata a caratteristiche funzionali/dimensionali e materiali descritte nelle specifiche di progetto.

Le visite valutative, richieste dalla Direzione Acquisti, sono finalizzate a valutare il sistema di qualità di un fornitore potenziale e la sua capacità a realizzare il prodotto per il quale si è proposto o è stato selezionato.

Per i fornitori precedentemente valutati con esito positivo e già appartenenti al parco fornitori qualificati, possono essere previste ulteriori audit di processo nel caso di:

  • sviluppo di nuovi prodotti;
  • risoluzione di problematiche rilevate durante la produzione di serie;
  • segnalazioni di non conformità avvenute nel periodo di garanzia del veicolo.

In caso di nuovi prodotti sono pianificate visite ispettive per valutare la capacità del fornitore di gestire i processi necessari alla realizzazione del nuovo prodotto e per offrirgli, se e quando ritenuto necessario/richiesto, un supporto tecnico alla definizione e controllo degli stessi.

In caso di prodotti consolidati sono, invece, effettuate visite ispettive per risolvere problematiche specifiche emerse durante la produzione, per verificare la capacità del fornitore di mantenere sotto controllo i processi che concorrono alla realizzazione del prodotto, per monitorare periodicamente il miglioramento delle prestazioni in termini di reso/disturbo16, per risolvere problematiche emerse in garanzia ed infine per verificare l’efficacia delle azioni correttive definite dai fornitori volte ad impedire il ripetersi delle non conformità.

Controllo di qualità dei prodotti finiti

Piaggio dispone di un accurato sistema di gestione della Qualità atto a monitorare il livello qualitativo del prodotto nelle varie fasi del processo produttivo e prima dell’invio al cliente. Le procedure standard introdotte in tutti gli stabilimenti del Gruppo Piaggio permettono di tenere costantemente monitorato il livello qualitativo di tutti i veicoli prodotti, assicurando standard di prodotto pienamente conformi ed adempienti alle specifiche normative/omologative nonché alle aspettative del cliente finale. Ogni veicolo prodotto negli stabilimenti del Gruppo è sottoposto a molteplici controlli di qualità lungo tutte le fasi di montaggio ed a fine linea. Inoltre, con frequenza prestabilita, vengono effettuati check fuori linea, attraverso personale altamente qualificato e formato, secondo procedure e standard definiti “in ottica cliente”, ossia con controlli che monitorano le performance sia estetiche che funzionali del veicolo a livello statico e dinamico.

Quotidianamente, sui prodotti finiti/deliberati, prima della spedizione al cliente finale, alcuni veicoli a campione vengono prelevati e sottoposti ad una serie molto accurata di controlli di collaudo su strada, seguendo una check list standard. Le eventuali anomalie riscontrate sono classificate con un punteggio di demerito in funzione della gravità del difetto legato all’impatto che potrebbe avere sul cliente finale.

Per ogni modello è disponibile lo status qualitativo consuntivato e confrontato con quello obiettivo. In caso di mancato raggiungimento dell’obiettivo viene definito un piano di miglioramento per individuare ed implementare le azioni correttive necessarie.

Nel caso in cui siano riscontrate gravi anomalie viene effettuata un’immediata diagnosi, sulla base della quale la spedizione di tutti i veicoli appartenenti al lotto in esame, insieme a un numero campione di veicoli del lotto precedente, viene valutata previa implementazione dell’azione di ripristino. Tutti i veicoli vengono quindi accuratamente ricontrollati ed eventualmente riparati prima di autorizzarne delibera e successiva spedizione.

Rintracciabilità dei prodotti

La rintracciabilità dei veicoli e dei loro componenti principali è fondamentale per poter individuare e circoscrivere in modo tempestivo lotti caratterizzati da presunta e/o effettiva difettosità, prevenendo, da un lato, la commercializzazione di prodotti potenzialmente difettosi e rendendo possibile, dall’altro, eventuali interventi sul campo.

Per rendere efficace la rintracciabilità dei propri prodotti, Piaggio ha implementato un sistema che consente l’identificazione di componenti e materiali, ritenuti significativi, in tutte le fasi del ciclo produttivo. In particolare, sono individuati tutti i componenti, sia di lavorazione interna sia di fornitura, che hanno diretta influenza sulla salute e sicurezza dell’utilizzatore, sull’ambiente e sulla rispondenza ai requisiti omologativi.

Il sistema permette quindi la rintracciabilità di tutti i componenti identificati, mantenendo nel tempo le registrazioni di prove, controlli, collaudi, attestanti la qualità del prodotto in funzione delle trasformazioni che ha subito nelle varie fasi del processo produttivo. Questo consente di identificare a lotti i componenti difettosi su tutti i veicoli coinvolti e, qualora fosse necessario, avviare tempestive attività a tutela del cliente.

Informazioni sui prodotti

Il Gruppo Piaggio, per il tipo di attività che svolge, è soggetto a numerose normative nazionali e internazionali che disciplinano l’informativa dei propri prodotti, sia nell’ambito della comunicazione pubblicitaria, sia nell’ambito della manualistica correlata ad ogni singolo veicolo. I cosiddetti LUM (“Libretti d’Uso e Manutenzione”) di Piaggio contengono informazioni circa il corretto utilizzo del veicolo, promuovendo nei conducenti comportamenti di guida sicura e responsabile, quali ad esempio:

  • rispettare sempre i limiti di velocità ed il codice della strada;
  • dotarsi di tutte le precauzioni per una guida sicura e dei sistemi di sicurezza passiva (come ad esempio il casco nel caso di cicli e motocicli);
  • mantenere sempre la massima prudenza ed attenzione alla guida, soprattutto in condizioni di asfalto bagnato o sdrucciolevole;
  • non effettuare elaborazioni delle prestazioni dei veicoli, che sono vietate per legge e pericolose per la sicurezza di guida.

Forbes USA incorona Vespa primavera e Piaggio Beverly

Vespa World Club

Vespa, dal 1946, ha richiamato l’attenzione dei suoi utilizzatori che, prima spontaneamente, poi, organizzati e coadiuvati dalla Casa Madre, hanno iniziato a gettare le basi dell’associazionismo Vespistico che ancora permane. Il trend delle partecipazioni ed il numero dei Vespa Club sia in Italia che nel mondo è in continua crescita.

Nel 2006, su iniziativa del Gruppo Piaggio e della Fondazione Piaggio è nato il Vespa World Club (VWC), un’Associazione senza fini di lucro, creata per seguire direttamente la gestione dei Vespa Club al fine di preservare il parco circolante delle Vespa antiche ancora in circolazione, supportare i collezionisti nella ricerca e nel restauro dei veicoli d’epoca ed organizzare in Europa e nel mondo raduni turistici e gare appassionanti, garantendo al Vespista un elevato standard qualitativo dell’evento.

Il Vespa World Club si propone di:

  • promuovere le iniziative di coordinamento delle attività sociali, turistiche, sportive ed agonistiche;
  • costituire organi rappresentativi dei Vespa Club Nazionali presso tutte le sedi ed organizzazioni sia nazionali che internazionali;
  • organizzare trofei, raduni, concorsi, manifestazioni, esposizioni, mostre, congressi, convegni e riunioni;
  • curare e tutelare gli interessi degli associati;
  • promuovere e realizzare didattiche per la sicurezza, l’educazione, il comportamento nella circolazione stradale;
  • promuovere studi e ricerche storiche relativi ai rapporti tra la Vespa e il territorio;
  • coadiuvare l’interazione tra Azienda e appassionati.

Le restrizioni poste in essere dai diversi governi per contrastare la pandemia da Covid-19 hanno purtroppo impedito il regolare svolgimento sia dei raduni internazionali previsti in Portogallo e Indonesia, che di quelli a livello locale, turistico e sportivo.

Moto Guzzi World Club

Il Moto Guzzi World Club è stato costituito nel 2002 con la finalità di:

  • promuovere l’interesse, la conoscenza e la salvaguardia del valore storico del marchio Moto Guzzi e delle motociclette da essa prodotte;
  • creare e sviluppare legami tra i proprietari delle motociclette Moto Guzzi;
  • organizzare manifestazioni, riunioni, conferenze, competizioni;
  • diffondere il mototurismo nazionale e internazionale, valorizzando e riscoprendo itinerari turistici locali grazie alle attività svolte ed agli interscambi di informazioni tra gli associati;
  • creare e sviluppare legami con organizzazioni no-profit o altre associazioni sportive e non, senza scopo di lucro, che svolgono attività sociali, umanitarie, di tutela dell’ambiente, ecc., che possano essere aiutate grazie ad iniziative promosse dall’Associazione nel settore motociclistico od in altri settori;
  • sviluppare i rapporti con la casa Madre e coordinare l’attività propria e dei soci con quelle di altri club di marca nazionali ed internazionali.

Oggi, dopo 18 anni di attività il Moto Guzzi World Club, oltre ai soci iscritti direttamente ed a 82 club riconosciuti in Italia, conta su:

  • 6 club riconosciuti tra America, Asia, Australia che rappresentano circa 7.500 iscritti;
  • 20 club riconosciuti in Europa che rappresentano circa 5.000 iscritti.

Anche le attività previste nel calendario 2020 del Moto Guzzi World Club hanno subito un brusco stop a seguito delle misure di lockdown poste in essere dalle varie nazioni per contrastare la pandemia da Covid-19.

Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance

Da luglio ad ottobre 2020 si è svolta la seconda edizione del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance.

Il Trofeo, organizzato dalla FMI, è dedicato alle Moto Guzzi V7 III preparate con un particolare kit ideato da Guareschi Moto, storico concessionario ritenuto lo specialista della preparazione dei veicoli da competizione. Fanno parte del kit cupolino, fianchetti portanumero, semimanubri, pedane rialzate, parafango anteriore, sottocoppa, sospensioni anteriori, ammortizzatori posteriori, centralina, pastiglie freno, sella monoposto.

La formula della gara prevede Team composti da 2 piloti che si alternano alla guida della moto ogni 15 minuti.

Il calendario, che ha previsto lo svolgimento di 5 gare, si è sviluppato come segue:

  • Vallelunga 18-19 luglio, gara 1 sabato, gara 2 domenica;
  • Magione  12-13 settembre, gara 1 sabato, gara 2 domenica;
  • Misano  11 ottobre, gara singola.

Gli equipaggi coinvolti sono stati 27, provenienti da Italia e Francia.

16 Reso,rilavorato,selezionato, accettato in deroga.

Share on...