Le linee guida principali per la Ricerca del Gruppo sono dunque:

  • miglioramento dei motori a combustione interna; riduzione dei consumi e delle emissioni, aumento prestazioni;
  • motorizzazioni evolute, ibride, elettriche; combustibili alternativi e non fossili;
  • miglioramento dei veicoli, nuovi concetti di veicolo per una mobilità più sostenibile e sicura;
  • dispositivi per la sicurezza (attiva, passiva e preventiva) e per il comfort; questo settore include la connettività, sia per quanto riguarda la sicurezza preventiva che per il confort;
  • ecocompatibilità del prodotto e del processo (Life Cycle Management).

Miglioramento continuo motori endotermici

La ricerca motoristica si concentra in cinque campi fondamentali:

  • ottimizzazione della termo-fluidodinamica motore, con particolare riferimento al processo di combustione;
  • ottimizzazione della gestione elettronica del motore e della trasmissione;
  • contenimento delle perdite organiche (attriti, pompaggi);
  • miglioramento del rendimento del sistema di trasmissione, a gradini o CVT (continuously variable transmission);
  • studio dell’acustica e della timbrica motore per ottenere emissioni acustiche contenute e gradevoli.

L’obiettivo è la riduzione dei consumi e delle emissioni ed il miglioramento delle prestazioni, intese anche come guidabilità e piacevolezza d’uso.

I risultati conseguiti nel 2020 sono i seguenti:

Motori per scooter

Medley 125 e 150 2020 adottano l’evoluzione della famiglia Piaggio i-get, sviluppata tra il 2019 e il 2020. L’obiettivo principale del progetto è stato ottimizzare il rendimento termodinamico, ridurre gli attriti e abbassare la rumorosità di funzionamento del propulsore aumentando nel contempo prestazioni e guidabilità generale, nel rispetto della nuova normativa Euro 5.

Il nuovo 125 monocilindrico ha una potenza massima di 11 kW a 9.000 giri, che è il massimo consentito dalla normativa (coppia max 12 Nm a 6500 g/min). Il 150 cc esprime 12,1 kW a 8.750 g/min (15 Nm a 6500 g/min). La nuova testa ha condotti e valvole di maggior diametro. Nuovi anche i bilancieri alleggeriti e l’asse a camme, il pistone, l’iniettore e il corpo farfallato maggiorato di 2 mm; la scatola filtro è ora dotata di un risonatore di Helmholtz per migliorare il rendimento volumetrico. Fondamentale infine l’introduzione di un precatalizzatore sul collettore marmitta e il nuovo catalizzatore principale. La trasmissione CVT è stata ottimizzata per sfruttare la nuova curva di potenza del motore.

Il sistema Start & Stop (brevettato, denominato RISS - Regulator Inverter Start & Stop System), sostituisce il motorino di avviamento con notevoli vantaggi: avviamento silenzioso, leggerezza e affidabilità. Inoltre riduce i consumi poiché spegne il motore durante le soste; una minima rotazione del comando del gas riavvia il motore. Le motorizzazioni di Piaggio Medley rispettano l’ambiente anche attraverso intervalli nella manutenzione portati a 10.000 km, risparmiando così olio usato e filtri.

L’ottimizzazione influisce su emissioni e consumo carburante: la percorrenza su ciclo WMTC C1 è pari a 42,01 km/l per il Medley 125 E5 (era 41,49 km/l per la versione E4); la CO2 è invariata a 59 gr/km, mentre il valore degli HC (idrocarburi incombusti) è adesso 41 mg/km (era 169 mg/km).

Oltre ai nuovi limiti, il passaggio a Euro5 ha richiesto l’introduzione di un software O.B.D. 2 – Step 18 più evoluto rispetto al precedente, che adesso comprende:

  • Misfire Detection
  • Monitoraggio degrado sonda lambda
  • Diagnosi funzionali:
    • Verifica congruenza sensore pressione in aspirazione
    • Verifica congruenza sensore di temperatura motore
    • Verifica congruenza sensore T.P.S.

10 La diagnostica a bordo (dall'inglese on-board diagnostics, in acronimo OBD) permette l'autodiagnosi e la segnalazione di errori e/o guasti del veicolo attraverso un controllo di parametri delle centraline del motore e di altri dispositivi elettronici del veicolo. Comprende un’interfaccia normata di scambio dati che possono essere letti da una qualsiasi officina. La diagnostica è quindi uno strumento fondamentale per la manutenzione del veicolo ed il mantenimento nel tempo dei requisiti richiesti dalla normativa riguardo alle emissioni.

Motori per Moto

La più recente realizzazione, emblematica delle capacità del Gruppo Piaggio, è il propulsore che esordisce sull’Aprilia RS 660. Si tratta di un bicilindrico parallelo frontemarcia di 660 cc che evolve l’esperienza del V4 di 1100 cc (Euro 5). Il motore fa parte del telaio e nella sua zona posteriore sostiene il forcellone. Tutta la termodinamica deriva dal V4, anche se tutta la componentistica del motore è stata progettata e sviluppata ex novo. Il carter superiore è integrato con i cilindri per ridurre gli ingombri e rendere più robusta la struttura. I cilindri sono disassati rispetto all’albero motore per minimizzare gli attriti interni e ridurre il consumo. La distribuzione è bialbero a 4 valvole per cilindro con bicchierini. La frizione ha il sistema antisaltellamento. Il comando gas è elettronico (ride-by-wire) e consente di regolare finemente l’erogazione (si veda il successivo paragrafo “Dispositivi per la Sicurezza e il Confort”), ridurre i consumi e le emissioni. Le prestazioni sono molto elevate per la categoria (100 CV a 10.500 giri/min) nonostante il rispetto della normativa Euro 5.

Motorizzazioni Evolute: ibride plug-in ed elettriche

Piaggio si è posta all’avanguardia nel campo delle motorizzazioni evolute (Advanced ICE Internal Combustion Engines) fin dal 2009, con la presentazione di MP3 Hybrid. Il patrimonio di conoscenze sviluppato col Progetto Hybrid ha permesso la realizzazione del Liberty eMail, commercializzato nel 2011.
La prosecuzione della Ricerca ha generato il powertrain elettrico che equipaggia la nuova Vespa Primavera Elettrica.

  • Vespa Elettrica 70 km/h

Il 2020 ha visto l’esordio sul mercato di Vespa Primavera Elettrica “motociclo”, cioè con prestazioni aumentate oltre il limite della categoria “ciclomotore”. Questa evoluzione consente un allargamento del bacino alla clientela che cerca un mezzo ecologico dotato di prestazioni adatte all’uso sulle circonvallazioni urbane.

  • Micro Hybrid Engines

Un altro filone di ricerca è lo sviluppo dei sistemi Start&Stop, che rappresentano di fatto un Micro Hybrid Engine per scooter.

Miglioramento dei veicoli

Nuovi concept (Veicoli basculanti)

Il punto di riferimento è il tre ruote basculante Piaggio MP3 nato nel 2006, che ha consentito a Piaggio di conseguire il primato nell’ambito della Sicurezza Dinamica9. Queste nuove formule, con l’adozione di ulteriori dispositivi di sicurezza, possono raggiungere livelli vicini agli standard automobilistici, mantenendo i vantaggi in termini d’ingombro, emissioni e consumo tipici dei veicoli a due ruote.
I concept multiruota, a seconda dei mercati e delle formule adottate, possono godere anche di importanti vantaggi normativi.

  • Piaggio MP3 300 hpe

Questo rappresenta la nuova versione più agile e leggera di Piaggio MP3: un veicolo compatto, sportivo e dinamico, confortevole e ricco di contenuti tipici degli scooter GT.
Il sistema di sospensione anteriore a doppia ruota (con quadrilatero articolato) è stato ulteriormente affinato e consente una stabilità in curva superiore, ridotti spazi di frenata, tenuta di strada eccellente in tutte le condizioni di scarsa aderenza. Le dimensioni compatte e la maneggevolezza di Piaggio MP3 300 hpe avvantaggiano nelle manovre da fermo. Tutto ciò è unito al nuovo motore Piaggio 300 hpe, accreditato di valori di potenza e di coppia al vertice della categoria.

Nell’ambito della ricerca, Piaggio ha progettato e costruito un prototipo di veicolo basculante 4R elettrico bimotore di categoria L2e (Resolve), mentre nel 2020 ha commercializzato un nuovo modello a tre ruote:

  • 3W- Delivery 125cc Euro 5

Questo tre ruote basculante innovativo è stato sviluppato nel corso del 2020 appositamente per le consegne di pacchi e posta all’interno degli agglomerati urbani. È caratterizzato da un’eccezionale capacità di carico (95 kg - 25kg sul portapacchi anteriore e 70kg nel grande vano posteriore). Grazie al sistema basculante (carrello posteriore10 a ruote gemellate con differenziale in blocco col motore), garantisce un’elevata stabilità e sicurezza nella guida. Prima ancora dell’ingresso in produzione, il nuovo nato del Gruppo Piaggio si è aggiudicato la gara di Poste Italiane S.p.A. per la fornitura di 5.000 scooter termici a tre ruote. La consegna della flotta si concluderà entro la prima metà del 2021.

10 I veicoli con due ruote anteriori offrono una stabilità superiore e minori spazi di arresto rispetto ai normali veicoli a due ruote, anche su terreno bagnato o sconnesso.

Nuove formule di Prodotto: Aprilia RS 660

Intorno a una base tecnica completamente nuova, definita dall’inedito bicilindrico parallelo 660 cc da 100 CV, nasce la prima di una generazione di moto leggere, prestazionali e tecnologicamente raffinate. RS 660 rappresenta un concetto nuovo di sportività, una moto eccellente in ogni occasione, dalla guida quotidiana a quella più spinta. RS 660 offre i contenuti tecnici derivati dall’esperienza Aprilia nelle competizioni mondiali. Il peso è ridotto a soli 183 kg in ordine di marcia, ma i contenuti sono impreziositi dal pacchetto di controlli elettronici APRC, mutuati ed evoluti rispetto a quanto presente sulle V4.

Riduzione degli assorbimenti e del peso11

In sede progettuale grande attenzione viene posta sulla riduzione degli assorbimenti e del peso, due fattori importantissimi per il contenimento dei consumi e per il miglioramento delle prestazioni.

Le simulazioni aerodinamiche (CFD) e la validazione dei risultati mediante analisi comparativa con i dati sperimentali ottenuti in galleria del vento consentono di ridurre la potenza necessaria a parità di prestazioni.

Questi studi hanno portato alla definizione della carenatura di Aprilia RS 660, la cui ispirazione deriva dall’esperienza delle corse. La carenatura presenta una doppia parete con lo scopo di migliorare la penetrazione aerodinamica, aumentare la stabilità alle alte velocità, proteggendo il pilota dalla pressione dell’aria e dal calore in uscita dal radiatore e dal motore12.

RS 660 ha uno schema costruttivo che riduce il peso, dato che il motore sostituisce parte del telaio. Sempre per ridurre il peso, tutte le supersportive Aprilia montano batterie al litio, più costose ma molto più piccole e leggere dei convenzionali accumulatori al piombo.

11 Lo stesso vale per il motore, il cui peso incide rilevantemente su quello complessivo.
12 Il calore in uscita da motore e radiatore è un problema rilevante per il confort nelle supersportive, sia per l’elevata potenza in gioco, sia per le piccole dimensioni della sezione frontale della moto.

Dispositivi per la Sicurezza e il Confort

Gli ultimi anni hanno visto un forte impulso nel settore dei controlli elettronici:

  • ABS per scooter leggeri, scooter medi, basculanti e motociclette;
  • Traction Control (sia in presenza che in assenza di Ride by Wire), in abbinamento con ABS;
  • sospensioni elettroniche semiattive ADD (Aprilia Dynamic Damping);
  • Ride by wire adottato su gran parte dei veicoli del Gruppo;
  • comandi al manubrio CAN (protocollo digitale);
  • Cruise control (basato su Ride by Wire) disponibile sulle moto Aprilia e Moto Guzzi;
  • Sistema APRC (Aprilia Performance Ride Control) su Aprilia RSV4, Tuono 1100 e RS 660 comprendente:
  • ATC: Aprilia Traction Control;
  • AWC: Aprilia Wheelie Control (controllo di impennata);
    • ALC: Aprilia Launch Control;
    • AQS: Aprilia Quick Shift;
    • APL: Aprilia Pit Limiter;
    • ACC: Aprilia Cruise Control;
    • Cornering ABS multimappa (RSV4 RR e RF, Tuono 1100 RR e Factory, RS 660) con RLM (Rear Liftup Mitigation);
    • AEB: Aprilia Engine Brake, il sistema di controllo regolabile del freno motore durante la fase di chiusura del gas (dal 2020 su RS 660);
    • AEM: Aprilia Engine Map, differenti mappature disponibili per cambiare il carattere e il modo di erogare la potenza del motore (dal 2020 su RS 660); 
  • Riding Mode: su RS 660 sono state portate a cinque le configurazioni elettroniche che permettono al pilota di scegliere la modalità più adatta alla sua esigenza di guida; esse determinano la migliore messa a punto di controllo di trazione, anti impennamento, freno motore, ABS e degli altri parametri gestiti. Sono previsti tre Riding Mode per l’utilizzo stradale e due per la pista:
  • Commute, per la guida quotidiana;
  • Dynamic, per la guida sportiva su strada;
  • Individual, che permette la totale personalizzazione dei controlli elettronici;
  • Challenge, (uso in pista);
  • Time Attack, (uso in pista) che permette di personalizzare totalmente l’elettronica;
  • Sviluppo della tecnologia di illuminazione LED sia per il faro che per la fanaleria, con l’aggiunta del dispositivo “bending lights”, ovvero una coppia di fari supplementari presenti nelle parabole che illumina l’interno della curva, aumentando la visibilità in piega (RS 660);
  • Nuovo quadro strumenti (Human Machine Interface) più chiaro e ricco d’informazioni senza distrazioni;
  • Diffusione e ampliamento del sistema di connettività Piaggio Multimedia Platform, basato su collegamento tra smartphone e veicolo via Bluetooth®, iOS e Android.

Sospensioni elettroniche e ammortizzatore di sterzo elettronico

La nuova Aprilia Tuono V4 1100 Factory offre di serie il sistema di sospensioni semiattive Smart EC 2.0, sviluppato da Öhlins per il Gruppo Piaggio. Esso rende estremamente versatili le sospensioni, adattandole in termini di efficacia e sicurezza ai diversi usi cui Tuono è destinata (Turismo, Sport o Pista). Il sistema permette la calibrazione di forcella e ammortizzatore con due modalità: semiattiva e manuale, selezionabili attraverso i pulsanti al manubrio. Nella modalità semiattiva il comportamento delle sospensioni viene gestito dal sistema Smart EC 2.0, che interviene attivamente sul funzionamento grazie ad un algoritmo che elabora in tempo reale i dati trasmessi dal veicolo alla centralina dedicata. In questo modo le sospensioni di Aprilia Tuono V4 1100 Factory adeguano la loro taratura idraulica, istante per istante, al tipo di percorso e di guida adottata. Nella modalità manuale i 3 “Riding Mode” (Track, Sport e Road) offrono altrettanti tipi di tarature predefinite, senza l’assistenza semiattiva. Sia nella modalità semiattiva, sia in quella manuale, viene lasciata all’utente la possibilità di personalizzare finemente la taratura delle sospensioni. Anche l’ammortizzatore di sterzo Öhlins è ora gestito elettronicamente dal sistema Smart EC 2.0 ed è completamente personalizzabile, in modo da adeguarne al meglio la taratura in dipendenza di quella di forcella e ammortizzatore. L’interfaccia OBTi (Objective Based Tuning Interface), visibile sul cruscotto rende le regolazioni intuitive. Il sistema permette di personalizzare la taratura delle sospensioni in ogni situazione, come accelerazione e frenata.

Piattaforma Multimediale MIA: sempre connessi con lo smartphone

La piattaforma multimediale MIA, declinata in diverse versioni per i Brand del Gruppo, consente di connettere lo smartphone al veicolo ed il veicolo al Web, trasformandolo in uno strumento dalle molteplici funzioni: un vero super computer di bordo in grado di visualizzare simultaneamente informazioni come tachimetro, contagiri, ma anche potenza e coppia del motore istantaneamente erogate, accelerazione longitudinale, grado di inclinazione raggiunto in piega, consumo di carburante istantaneo e medio, velocità media e stato della batteria e molto altro ancora. Dallo smartphone collegato a MIA è inoltre possibile visualizzare mappe e percorsi e individuare, per esempio, distributori di benzina e punti di assistenza.

La funzione di controllo dello stato dei pneumatici (TPMC) sfrutta in maniera sinergica i sensori del veicolo e dello smartphone per monitorare l’usura e il gonfiaggio delle coperture, avvertendo immediatamente l’utente prima del verificarsi di situazioni potenzialmente critiche; la funzione di analisi generale consente di verificare lo stato del veicolo.

L’evolutissima versione sviluppata per Aprilia RSV4 e Tuono, trasforma lo smartphone in uno strumento semiprofessionale per l’uso in pista.

In questa versione la comunicazione tra veicolo e smartphone diventa attiva: il pilota può cambiare i settaggi della propria RSV4 e Tuono V4 attraverso lo smartphone.

Tra le sue funzionalità possiamo trovare:

  • Active Electronic Setup: sfruttando il modulo GPS presente nello smartphone, il sistema riconosce istante per istante la posizione della moto all’interno del circuito e modifica automaticamente le regolazioni elettroniche (traction control e anti impennata), sulla base delle impostazioni scelte dal pilota, curva per curva. Ciò permette di incrementare la sicurezza e l’efficacia in pista, adeguando i parametri di controllo in ogni punto del circuito e senza distrazioni per il pilota.
  • Adaptive Race Assistant: questa funzione fornisce in tempo reale suggerimenti per sfruttare al massimo ed in sicurezza la propria RSV4. L’applicazione confronta in tempo reale il comportamento del pilota con il proprio miglior giro di pista e lo supporta indicando in modo immediatamente leggibile come migliorare in maniera graduale le prestazioni.
  • Advanced Telemetry Dashboard: permette di visualizzare sul display dello smartphone, oltre a tutte le informazioni normalmente presenti nella strumentazione di serie, numerosi altri parametri acquisiti dalla telemetria della moto, quali: potenza istantanea all’albero; coppia istantanea all’albero; percentuale di potenza disponibile; spinta sulla ruota posteriore; slittamento della ruota posteriore; accelerazione longitudinale e laterale (diagramma G-G); angolo di piega etc. Fa parte del pacchetto anche il modulo per l’analisi del funzionamento del veicolo direttamente su smartphone e un modulo per l’acquisizione automatica dei tempi sul giro e il miglioramento dello stile di guida (in termini prestazionali) per uso semiprofessionale in pista.
  • Navigazione: nelle ultime versioni della piattaforma multimediale, dedicate ai veicoli Vespa GTS Supertech, Shiver 900 e Moto Guzzi V85, il sistema si arricchisce di un completo sistema di navigazione satellitare. Attraverso una sezione specifica della app è possibile cercare e impostare la destinazione del viaggio e, una volta attivata la navigazione, tutte le informazioni relative sono trasferite via Bluetooth all’unità di controllo sul veicolo e rappresentate sul cruscotto TFT sotto forma di pittogrammi. Le informazioni di navigazione includono indicazioni sulla manovra corrente e successiva, nomi delle strade, tempo e distanza all’arrivo, limiti di velocità e segnalazione dei sistemi di controllo del traffico. Con la navigazione attiva il cruscotto si configura automaticamente in una modalità di rappresentazione specifica, che mette in risalto le indicazioni di svolta, mantenendo sempre ben visibili informazioni critiche come la velocità e gli avvisi sullo stato di funzionamento del veicolo. Le operazioni di avvio e arresto della navigazione sono gestite direttamente dai comandi sul manubrio e non richiedono alcuna interazione con lo smartphone durante la marcia, garantendo la massima intuitività e sicurezza. La gestione del sistema di navigazione tramite app consente di avere le mappe costantemente aggiornate e ricevere informazioni in tempo reale su traffico e condizioni meteo, sfruttando la connettività dello smartphone con evidente beneficio per il cliente sia in termini di funzionalità che di costo. La flessibilità dell’architettura consente inoltre un costante rilascio di nuove funzioni ed il sistema è predisposto per lo sviluppo di:
    • ricerca automatica di stazioni di ricarica per veicoli elettrici ed ottimizzazione del percorso in funzione dell’autonomia disponibile;
    • visualizzazione su cruscotto di avvisi di condizioni meteo avverse lungo la rotta;
    • sistema di ‘orizzonte elettronico’ per avviso di velocità eccessiva rispetto alla curvatura della strada e alle condizioni dell’asfalto;
    • segnalazione di condizioni generiche di pericolo lungo il percorso.

Su tutti i veicoli dotati di TFT, la piattaforma MIA permette di gestire tramite rapidi ed intuitivi comandi al manubrio le funzioni di base del telefono:

  • attivazione comandi vocali;
  • gestione chiamate (Accetta / rifiuta chiamata in arrivo, visualizza nome / numero chiamante);
  • richiamata dell’ultima persa;
  • gestione della musica (selezione playlist, controllo volume, cambio traccia);
  • interfono tra passeggero e pilota accoppiando due cuffie Bluetooth standard al veicolo.

La nuova versione dell’interfaccia implementata su Aprilia RS 660 e che costituirà la base per tutte le nuove versioni in ottica di piattaforma di sviluppo, introduce il concetto di “pagine” per il cruscotto e permette di gestire in parallelo tutte le funzioni, avendo ad esempio sempre a disposizione la rubrica con le ultime chiamate effettuate o ricevute, facilmente richiamabili con intuitivi comandi al manubrio anche durante la riproduzione della musica o una conversazione tramite interfono.

Allo stesso modo è possibile selezionare direttamente dal cruscotto le ultime destinazioni ed avviare o interrompere il processo di navigazione dai comandi veicolo, limitando ulteriormente le interazioni necessarie con la app o con il telefono.

Una versione semplificata del sistema di gestione del telefono è stata implementata per la prima volta sulla versione 2019 del Piaggio Medley dotata del nuovo cruscotto LCD13: nonostante l’interfaccia utente sia realizzata con icone ed un singolo pulsante sul manubrio, è stato possibile mantenere buona parte delle funzioni, consentendo l’estensione della piattaforma verso il basso di gamma.

Una nuova versione della centralina di connettività è stata sviluppata per integrare funzioni attive anche a quadro spento, trasformando il telefono dell’utente in un comodo telecomando per azionare a distanza gli indicatori di direzione ed il clacson (funzione di ‘find me’ per trovare agevolmente il veicolo in un raggio di 100 metri), il proiettore anabbagliante (funzione di ‘follow me’ per illuminare il percorso in prossimità del veicolo) e comandare l’apertura elettrica della sella. La prima implementazione del nuovo dispositivo sarà realizzata con la versione Euro 5 del Medley, disponibile sul mercato da gennaio 2021 ed estesa in seguito a tutta la gamma scooter del Gruppo.

13 LCD Liquid Crystal Display.

Settore 3/4 ruote

La strategia di prodotto Piaggio è incentrata sul trasporto di persone e merci a medio e corto raggio. Il focus è rivolto a caratteristiche quali manovrabilità, compattezza, sicurezza dei veicoli e rispetto ambientale.

Questa sfida, in Europa, in India e sempre di più anche sui mercati Export (America ed Africa) viene affrontata attraverso:

  • lo studio, la produzione e la commercializzazione di motori a basso consumo e a ridotte emissioni inquinanti;
  • il sempre più diffuso utilizzo di combustibili alternativi su tutta la gamma prodotto;
  • lo sviluppo e la commercializzazione di veicoli elettrici;
  • l’alta efficienza di trasporto (rapporto tra massa trasportabile e peso totale a terra).

3 /4  ruote India

L’attuale normativa indiana ha imposto, per il mercato domestico, sia per i veicoli 3 che 4 ruote l’introduzione dei limiti di emissione BSVI a partire da aprile 2020 ed il conseguente stop alla produzione e commercializzazione dei veicoli omologati in configurazione BSIV.

Fin da gennaio 2020 Piaggio ha avviato la produzione di veicoli a tre ruote conformi alla nuova normativa, diventando così il primo produttore di veicoli a tre ruote del Paese ad aver aggiornato la sua intera gamma al nuovo standard.

Obiettivo comune, relativo a tutta la gamma Piaggio prodotta in India, è quello della riduzione di consumi e del TCO (Total Cost of Ownership) con interventi di costante miglioramento dell’efficienza dei veicoli, ottenuta anche mediante l’introduzione di tecnologie innovative per questo tipo di prodotti (motorizzazioni benzina, GPL e metano con iniezione elettronica, motorizzazioni diesel a controllo elettronico e veicoli a trazione elettrica).

Il mercato indiano dei veicoli 3 ruote sta mostrando da alcuni anni un trend di crescita dei veicoli equipaggiati con motorizzazioni alternative (sia GPL che metano) soprattutto nel contesto urbano e sub-urbano.

Piaggio, al fine di seguire questa sempre crescente richiesta:

  • fin dal gennaio 2019 ha avviato la commercializzazione sul mercato indiano dell’evoluzione dell’Ape City BSIV per trasporto passeggeri dotata di alimentazioni GPL/metano ad iniezione elettronica (tecnologia innovativa che verrà adottata sul 100% dei veicoli in ottica BSVI) che ha permesso l’abbattimento di consumi ed emissioni inquinanti, nonché un miglioramento di prestazioni ed affidabilità (il sistema adottato permette anche di fornire al guidatore sia le informazioni ottimali di guida per la minimizzazione dei consumi, grazie al sistema di indicazione cambio marcia, sia le informazioni relative al corretto funzionamento del veicolo);
  • a settembre 2019 è iniziata la produzione di Ape City con motori BSVI;
  • a dicembre 2019 è stata lanciata sul mercato Indiano la versione Ape e-City dotata di motorizzazione Full Electric, innovazione importante a livello tecnico per questo tipo di veicolo sviluppata per soddisfare la sempre crescente necessità di veicoli eco-friendly;
  • dal 2020 è stato implementato un nuovo powertrain 230cc (benzina e bifuel) in sostituzione del 200cc, con l’obiettivo di migliorare prestazioni, affidabilità, rumorosità e consumi;
  • dalla seconda metà del 2020 è stato implementato il powertrain 300cc, progettato, sviluppato e prodotto internamente, fortemente orientato ed ottimizzato all’utilizzo di alimentazioni alternative quali GPL e metano. Il vantaggio rispetto all’attuale versione BSVI è un significativo step migliorativo in ottica TCO e prestazioni;
  • a partire da metà 2021 alla versione e-City sarà affiancata anche la versione Ape e-Cargo al fine di garantire la disponibilità di una gamma di veicoli elettrici dedicati sia al trasporto passeggeri che merci, con ulteriore obiettivo di estenderne la commercializzazione ai mercati Europa ed Export.

Relativamente ai mercati export, a partire dal 2021 saranno disponibili le nuove versioni con motori 230cc (a sostituire il 200cc) e le versioni elettriche di Ape City e Ape Cargo.

4 ruote Europa

Relativamente al mercato 4 ruote Europa, l’introduzione a luglio 2019 del motore Euro 6d su tutta la gamma Porter e Maxxi con powertrain benzina ed alimentazioni alternative (GPL e Metano), ha permesso di effettuare un ulteriore step migliorativo in termini di emissioni (compliance con standard WLTP) e prestazioni, permettendo un ulteriore rafforzamento del grado di soddisfazione dei clienti.

Con l’obiettivo di rinnovare l’attuale gamma 4 ruote Porter e Maxxi destinata al mercato Europa, Piaggio ha siglato un importante accordo con il più grande produttore cinese di veicoli commerciali, Foton, al fine di sviluppare un nuovo veicolo commerciale 4 ruote trasporto merci (Nuovo Porter).

Oltre a permettere un notevole incremento della portata specifica, del comfort e delle prestazioni, il nuovo veicolo è stato sviluppato con l’obiettivo di soddisfare le future sempre più stringenti normative omologative (crash test, sistemi di protezione attiva e passiva, sistemi di ausilio alla guida, etc.).

Il nuovo veicolo è stato concepito privilegiando versioni centrate su una motorizzazione 1.500 cc benzina, base di alimentazioni bifuel Benzina/GPL e Bifuel Benzina/Metano, nonché “mild gas” nelle versioni ruote singole e gemellate. Tale configurazione consente il raggiungimento di emissioni di inquinanti e CO2 inferiori all’attuale versione Euro 6d.

L’avvio produttivo del nuovo veicolo è previsto a gennaio 2021 per la versione benzina ruota singola e a seguire per le altre versioni/varianti.

È inoltre in fase di definizione la variante Full Electric che mira a soddisfare la sempre più crescente richiesta di veicoli a basso impatto ambientale.

La gamma dei veicoli commerciali proposti da Piaggio per il mercato europeo si caratterizza quale specialista della mobilità “intra-city”, con una particolare attenzione al contenimento dei consumi di carburante e dei livelli di emissioni inquinanti; elementi fondamentali per un sistema di trasporto sostenibile, soprattutto “nell’ultimo miglio” del processo di movimentazione e consegna delle merci, che impatta direttamente sulla qualità della vita nelle aree metropolitane e nei centri storici.

Oltre alla riduzione delle emissioni, attraverso l’introduzione di motorizzazioni ecofriendly, i veicoli commerciali Piaggio garantiscono un basso impatto ambientale del trasporto merci nei centri urbani, in special modo nei centri storici, grazie alle dimensioni compatte ed all’alta efficienza di trasporto (rapporto tra massa trasportabile e peso totale a terra). 

“Life Cycle Management” 

“Life Cycle Management” nei 2 Ruote

Sebbene nessuna norma in tema di riciclabilità sia attualmente in vigore né prevista per i veicoli a due ruote, il Gruppo Piaggio si è mosso con anticipo in tal senso. Fin dall’esordio di Sfera 50 (1989) le tecnologie e i materiali impiegati per la progettazione e la costruzione degli scooter e delle moto del Gruppo sono infatti mirati alla compatibilità ambientale e ad un loro efficace smaltimento a fine vita. A partire dal 2008, inoltre, Piaggio ha modificato i cartigli dei disegni e le informazioni riportate in distinta base, in modo da rendere disponibile il controllo dei materiali impiegati per la costruzione dei veicoli ed ottimizzare le attività di smontaggio per un più facile processo di smaltimento.

È stata compiuta con la collaborazione di UniFi l’analisi delle caratteristiche di riciclabilità dell’MP3 125 Hybrid secondo la normativa ISO 22628. Questa è stata realizzata tramite lo smontaggio di un esemplare reale del veicolo ed il censimento di tutti i suoi componenti. Il tasso di riciclabilità è risultato essere pari all’88%, un valore ampiamente superiore al limite dell’85% imposto dalla normativa vigente nel settore auto per veicoli di categoria N1 e M1.

"Life Cycle Management" nei 4 Ruote

Nel settore 4 ruote la situazione normativa è assimilata a quella dell’auto.

Con l’introduzione dal 2007 della Normativa Europea REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemical Substances), le Aziende Costruttrici Automotive seguono le linee guida indicate nell’AIG (Automotive Industries Guidelines), tra le quali monitorare l’utilizzo di sostanze pericolose/proibite e verificare l’andamento dei tassi di riciclabilità e recuperabilità dei materiali utilizzati.

In merito a questo, nel corso degli anni, Piaggio ha intrapreso un impegnativo percorso per garantire un elevato livello di riciclabilità dei propri veicoli, giungendo ad importanti risultati quali la limitazione dell’impiego di materiali ritenuti pericolosi (piombo, cromo, mercurio, cadmio) e la realizzazione di un manuale per la demolizione del veicolo a fine vita.

Piaggio monitora costantemente i tassi di riciclabilità e di recuperabilità dei propri veicoli, mantenendosi per questi due indicatori sempre al di sopra delle soglie determinate dalla Direttiva 2000/53/CE (rispettivamente all’85% e al 95%). Per esempio, il Porter nella versione Porter MAXXI Multitech Euro 6 Pianale, garantisce un tasso di riciclabilità del 91,5% e un tasso di recuperabilità del 96,1%. L’attenzione di Piaggio nei confronti dell’ambiente passa anche attraverso l’impegno, fin dalla progettazione, nel garantire l’eco-compatibilità dei propri veicoli commerciali anche al termine della propria vita utile.

Le analisi svolte hanno, inoltre, permesso la realizzazione di un database, mediante il quale tenere aggiornati in tempo reale la composizione materiale dei veicoli e i tassi di riciclabilità e di recuperabilità degli stessi fin dalla loro progettazione.

Di seguito si riportano i valori di Riciclabilità e di Recuperabilità del modello Porter secondo le motorizzazioni Euro6 Benzina, GPL ed Elettrico.

“Life Cycle Management” nei 4 Ruote

Impiego di plastiche di origine riciclata

Nei veicoli del Gruppo Piaggio le parti in polipropilene pigmentate in massa (pedane, controscudo, depuratore aria etc.) possono essere costituite, a discrezione del fornitore, da materiali derivati da riciclo.

Brevetti

L’intensa attività di ricerca e sviluppo si riflette in un continuo incremento dei depositi nei Paesi in cui il Gruppo opera.

Il portafoglio IP Piaggio conta oltre duemila diritti di privativa attivi nel mondo. Molti casi brevettuali riguardano il settore dei veicoli basculanti a tre ruote, settore in cui il Gruppo Piaggio è stato pioniere e in cui intende mantenere il primato.

Brevetti

Nel 2020 il numero di nuove soluzioni tutelate è calato per via della pandemia globale, confermando comunque una forte attenzione del Gruppo Piaggio alla proprietà intellettuale. Piaggio è una delle prime aziende italiane per numero di soluzioni brevettate.

Nuove soluzioni

Collaborazioni con Università e Centri di Ricerca

Il Gruppo Piaggio è convinto dell’importanza dello scambio di conoscenze e idee, nonché dello stimolo che da esso può scaturire per il miglioramento di tecnologie, metodologie e prodotti. Per questo il Gruppo è da sempre coinvolto su molti fronti, allo scopo di rafforzare le sinergie tra gli ambienti della ricerca ed il proprio contesto industriale.
Il Gruppo ha rapporti continuativi di scambio e di ricerca con Università e Centri di ricerca. In particolare, l’obiettivo di sostenere una continua innovazione è perseguito negli ultimi anni attraverso:

  • collaborazioni su progetti di ricerca e sviluppo;
  • partecipazione a Progetti Europei e Nazionali;
  • tesi di ricerca sperimentali.

Antenne Tecnologiche (Centri di ricerca del Gruppo)

Oltre alle collaborazioni esterne, il Gruppo dispone di tre antenne tecnologiche interne di grande rilievo: il Piaggio Advanced Design Center di Pasadena (USA), il team pluricampione del mondo Aprilia Racing, impegnato nella sfida mondiale della MotoGP e il centro di ricerca avanzato Piaggio Fast Forward di Boston.

Piaggio Advanced Design Center (PADC) ha la finalità di aprire una finestra sui cambiamenti della società, degli stili di vita, delle formule della mobilità urbana e metropolitana, sviluppando un sistema internazionale di competenze e ricerche negli ambiti dello stile e del marketing di prodotto, che generino ricadute e stimoli da sviluppare in ambito tecnico.

Aprilia Racing, uno dei team più vittoriosi e prestigiosi al mondo ed impegnato dal 2015 anche nel MotoGP, ha un rapporto di collaborazione tecnica continuativa con il reparto R&D del Gruppo, con un continuo scambio di idee e competenze.

Piaggio Fast Forward (PFF) sta facendo da pioniere nel movimento intelligente di persone e merci – alle giuste dimensioni: più grande dei droni aerei ma più piccolo di auto e camion.

La missione dell'azienda è aiutare le persone a muoversi meglio, più lontano, più velocemente e in modo più divertente. PFF realizza robot che seguono, affiancano o trasportano persone in movimento. Nell'era dell’intelligenza artificiale, delle macchine autonome e dei network interconnessi, PFF promuove città più vivaci, con persone e cose che si muovono meglio grazie alla potenzialità di veicoli intelligenti.

Il motto di PFF è "autonomia per l’uomo", ovvero autonomia al servizio degli umani, nonché maggiore libertà, piacere ed efficienza nel movimento.

Questo è ciò che Piaggio Fast Forward chiama "moVibilità". PFF progetta veicoli come Gita e Kilo per migliorare ed espandere le capacità umane sia sul lavoro che durante il tempo libero. Il primo prodotto di Piaggio Fast Forward è Gita di cui a partire da novembre 2019 è stata avviata la commercializzazione in California. Kilo è il “fratello maggiore” di Gita, e grazie ad una più ampia capacità di carico può trasportare fino a 100 kg di peso nel suo vano da 120 lt. Ha una straordinaria stabilità grazie all’appoggio su tre ruote. Gita e Kilo sono al tempo stesso pratici e divertenti, funzionali e belli. Sono i primi di un portafoglio di veicoli in fase di sviluppo.

Share on...